GinecologiaNews.net


News

Figlie esposte al Dietilstilbestrolo: più alta probabilità di soffrire di problemi riproduttivi e di sviluppare tumore

Uno studio ha scoperto che le figlie DES, cioè le donne le cui madri hanno utilizzato il Dietilstilbestrolo ( DES ) durante la gravidanza, sono a rischio, nel lungo periodo di gravi problemi di salute. Questi includono il cancro al seno, un raro tipo di cancro uterino e problemi riproduttivi, tra cui infertilità, aborto spontaneo e nascite premature.

Prima del 1971, diversi milioni di donne sono state esposte in utero al DES, che era stato prescritto alle loro madri per prevenire le complicanze della gravidanza.

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food & Drug Administration ) ha bandito il Dietilstilbestrolo nel 1971, dopo che uno studio aveva scoperto che il farmaco poteva causare un raro tumore vaginale nelle donne e nelle ragazze esposte al DES ( adenocarcinoma a cellule chiare della vagina ).
Studi successivi hanno dimostrato che il Dietilstilbestrolo non aveva documentazione scientifica per l’impiego nella prevenzione delle complicanze in gravidanza.

L’attuale studio è un’analisi di dati combinati di tre studi avviati nel 1970 con un periodo osservazionale prolungato, riguardante 4.653 donne esposte in utero al DES e 1.927 soggetti non-esposti.

Mentre una donna, non-esposta al Dietilstilbestrolo ha in media 1 possibilità su 50 di sviluppare il cancro al seno dopo i 55 anni, per le figlie DES il rapporto è di 1 su 25.

Lo studio ha anche trovato che il tasso di: lesioni cervicali pre-cancerose è stato del 6.9% tra le figlie DES, contro il 3.4% nelle donne non-esposte; infertilità per le figlie DES è stata del 33.3%, contro il 15.5% per quelle non-esposte; menopausa precoce è stata del 5.1% per le figlie DES, contro l’1.7% nel gruppo di controllo.

Le figlie DES nello studio, che erano in età di gravidanza hanno avuto un tasso di parto pretermine del 53.3% contro il 17.8%. I tassi di aborto spontaneo sono stati pari al 50.3% nel gruppo esposto al DES, contro il 38.6% per il gruppo di controllo.
Più del 14% delle figlie DES rimaste incinte è andata incontro a una gravidanza tubarica, contro solamente il 2.9% dei controlli.
I tassi di mortalità neonatale sono stati pari all’8.9% nelle figlie DES, rispetto a solo il 2.6% per quelle non-esposte.

Nei soli Stati Uniti, ci sono più di 2 milioni di donne che sono state esposte in utero al DES.

Nella progenie maschile esposta durante la gestazione, è stata osservata un'elevata incidenza di cisti epididimali, ipotrofia testicolare e indurimento capsulare associati a riduzione del volume dell'eiaculato e alterazioni qualitative del liquido seminale. ( Xagena )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2011