GinecologiaNews.net


News

Benefici di Zometa nelle donne in premenopausa con tumore alla mammella endocrino-responsivo in fase precoce

Ricercatori tedeschi e austriaci hanno scoperto che l’aggiunta di Acido Zoledronico ( Zometa ) alla terapia endocrinologia migliora la sopravvivenza libera da malattia nelle donne in premenopausa con carcinoma mammario in fase precoce endocrino-responsivo.

L’Acido Zoledronico è normalmente utilizzato per prevenire le fratture ossee nei pazienti affetti da tumore e a trattare l’osteoporosi postmenopausale (Aclasta, Reclast ).

Alcuni studi preclinici avevano indicato che l’Acido Zoledronico ha proprietà antitumorali; questo ha indotto a disegnare uno studio ad hoc.

Sono state arruolate 1.803 donne in premenopausa con tumore mammario in stadio precoce, e assegnate in modo casuale a ricevere Goserelin ( Zoladex ) e Tamoxifene ( Nolvadex ), oppure Anastrozolo ( Arimidex ) con o senza Acido Zoledronico.

Il trattamento è durato 3 anni.

L’endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza libera da malattia e sopravvivenza libera da recidiva, mentre la sopravvivenza generale era un endpoint secondario.

Durante un periodo osservazionale mediano di 47.8 mesi si sono presentati 137 eventi.

I risultati:

· La sopravvivenza libera da malattia nel gruppo Tamoxifene è stata del 92,8%

· Nel gruppo Anastrozolo la sopravvivenza libera da malattia è stata del 92% ( 90.8% nel sottogruppo solo terapia endocrina e 94% nel sottogruppo che ha anche ricevuto Acido Zoledronico )

· Non è stata osservata nessuna significativa differenza nella sopravvivenza libera da malattia tra i gruppi Tamoxifene e il gruppo Anastrozolo

· Rispetto alla sola terapia endocrina, l’aggiunta di Acido Zoledronico ha prodotto una riduzione assoluta del 3.2% e una riduzione relativa del 36% nel rischio di progressione della malattia

· L’aggiunta di Acido Zoledronico non ha ridotto in modo significativo il rischio di morte

· Non è stato riscontrato nessun evento avverso inaspettato

· Le donne che hanno ricevuto Acido Zoledronico avevano una maggiore probabilità di andare incontro a dolore osseo ( 35% vs 25% ), artralgie ( 24% vs 18% ) e febbre ( 9% vs 2% ), rispetto alle donne non-trattate con il bifosfonato

· Nessun caso di osteonecrosi della mandibola è stato osservato.

Gli Autori hanno concluso che l’aggiunta di Acido Zoledronico alla terapia adiuvante endocrina migliora la sopravvivenza libera da malattia nelle donne in premenopausa con tumore alla mammella endocrino-responsivo in fase precoce.( Xagena )

Fonte: The News England Journal of Medicine, 2009